Spiagge,  Viaggi,  Viaggi Imperdibili

PULA E LE ISOLE BRIONI ROAD TRIP EP. 3

Il nostro viaggio è iniziato in Slovenia:

Ripartiti dal lago di Bled, abbiamo fatto sosta per 2 notti a Pula (o Pola) per avere una tappa intermedia dalla Slovenia alla Croazia. Pula, antico capoluogo dell’Istria, offre sicuramente bel mare, tra cui una delle spiagge più famose che si chiama Hawaii Beach, ma che ha un nome molto fuorviante! Meravigliosa invece l’arena di Pola, una sorta di Colosseo, affacciato sul mare: davvero da non perdere. Da Pula ci siamo poi imbarcati per raggiungere le Isole Brioni. Abbiamo lasciato la macchina nel parcheggio riservato ai turisti del parco Nazionale di Brioni. Da li con il traghetto abbiamo raggiunto quella che è nota per essere stata anche l’isola di Tito che viveva a Brioni 6 mesi l’anno e dove ha fatto realizzare 2 alberghi per ospitare gli amici politici, alberghi dove tuttora è possibile dormire anche perché non ci sono altre strutture ricettive.

Brioni è stata davvero una splendida scoperta, perché si vive a stretto contatto con la natura, sono circa 13km l’intera superficie e si può girare in bicicletta, monopattino elettrico o golf car. Nonostante abbiamo trovato molti turisti (in gran parte italiani ad agosto in Croazia) Brioni si è dimostrata un’isola felice, pochissima gente e spiagge riservate solo per noi! Se decidete di dormire a Brioni, il costo del traghetto è incluso nel prezzo. Il noleggio della bicicletta ci è costato 10€ tutto il giorno.

A Brioni abbiamo dormito qui:

A Pula abbiamo dormito qui:

Unisciti al nostro canale su Telegram! https://t.me/joinchat/AAAAAFQMtxyhuH5… 

Prenota un albergo su Booking con questo link e ricevi un 10% di sconto: https://www.booking.com/s/11_6/n0cort01

La nostra attrezzatura per foto e video: qui

Siamo Elisa & Nicola, ci piace viaggiare alla scoperta delle Capitali Europee ma amiamo anche la semplicità di luoghi unici come la Lapponia o la Cappadocia. Elisa con la passione per le foto, Nicola per i video. Insieme a noi non può mai mancare almeno un drone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *